Botanica - I semi e la disseminazione - Stelle degli Iblei

Stelle degli Iblei
Vai ai contenuti

Menu principale:

Botanica - I semi e la disseminazione

Botanica - semi e disseminazione


Prima pubblicazione Luglio 2012 - Aggiornamento Ottobre 2017 - © Felice Placenti
All rights reserved. Tutti i diritti sono riservati. E' vietato riprodurre, anche solo parzialmente, anche citando la fonte, il contenuto di questa pagina.

Prima di iniziare la lettura di questo articolo ti segnalo il mio nuovo sito web: FP Nature and Landscape Photography, dedicato interamente alla fotografia naturalistica, paesaggistica e astronomica. Tra le pagine del nuovo sito troverai i miei portfolio, articoli tecnici, reportage e tutorial. Ti ringrazio per l'attenzione e ti auguro Buona Navigazione.


Il seme

Il seme ha il compito di nutrire e proteggere l'embrione della pianta una volta avvenuta l'impollinazione e fino alla sua germinazione.
Il suo involucro esterno, detto "tegumento", ha al suo interno l'"endosperma" e l'embrione vero e proprio (che sarebbe l'abbozzo della futura pianta).

Un seme può rimanere addormentato (quiescenza dei semi) fino a che ci siano le migliori condizioni per germogliare. L'embrione si sviluppa formando le "foglioline embrionali", dette "cotiledoni" (dal greco cotyledòn = incavo), mentre si trova ancora all'interno della pianta. Una volta che i cotiledoni si sono sviluppati completamente il seme viene liberato nell'ambiente o per rimanervi quiescente o per germogliare.

L'embrione è formato da una piccola radice, detta radichetta, da un fusticino, da una gemma terminale, detta piumetta, e da un cotiledone (monocotiledone) o due cotiledoni (dicotiledone).

L'endosperma è un tessuto ricco di amido e sostanze nutritive.
seme
seme

Sviluppo del seme di fagiolo.


In questo link trovi alcuni esperimenti con l'amido.

Esempi di piante monocotiledoni:
grano, mais, giglio, palma, etc.

Esempi di piante dicotiledoni:
rosa, quercia, castagno, fagiolo, ulivo, etc.
La disseminazione

La pianta deve provvedere a disperdere i semi in un'area quanto più estesa possibile e lo fa con mezzi propri (autodisseminazione) o tramite agenti esterni.

I mezzi di trasporto dei semi sono:

    • l'aria (disseminazione anemòcora o anemofila);
    • l'acqua (disseminazione idròcora o idrofila);
    • gli animali (disseminazione zoòcora).
Disseminazione anemòcora

Le piante che sfruttano questo tipo di disseminazione producono semi secchi, piccoli e leggeri, spesso provvisti di dispositivi capaci di favorire il volo, come ciuffi di peli a pennello o a paracadute (acheni del soffione, del carciofo, del cardo, etc.), piume (vitalba, valeriana, etc.) e membrane simili ad ali (sàmare dell'olmo, dell'acero, etc.).

Botanica - semi e disseminazione
Botanica - semi e disseminazione
Disseminazione idròcora

In questo caso le piante producono frutti leggeri e impermeabili, a volte forniti di camere d'aria che ne permettono il galleggiamento, come avviene con le noci di cocco. Altre volte i frutti sono carnosi e quando marciscono, giunti a destinazione, liberano i semi (alcune ninfee).

Disseminazione zoòcora

La disseminazione affidata agli animali richiede frutti succulenti e ricchi di zuccheri, profumati e dai colori vivaci, tali, insomma, da risultare visibili a distanza e appetibili. I semi contenuti in questi frutti devono resistere all'azione degli acidi dei succhi gastrici e, quindi, sono protetti da un involucro legnoso, detto nòcciolo, o da un pericarpo.
Alcuni frutti, invece, sono secchi e provvisti di piccoli uncini (làppole) che aderiscono al pelo degli animali. Altri sono ricoperti da sostanze vischiose così da restare attaccati alle piume degli uccelli o alle zampe (bacche del vischio).

Autodisseminazione

Alcune piante hanno sviluppato singolari tecniche di autodisseminazione. Le più interessanti sono il Cocomero asinino, il Trifoglio sotterraneo e la Linaria cimbalaria.
I frutti del Cocomero asinino si gonfiano fino a maturazione; all'interno vi sono i semi e del liquido in pressione. E' sufficiente sfiorare il frutto per provocarne il distacco dalla pianta e la violenta espulsione dei semi.
Quando è avvenuta la fecondazione, il Trifoglio sotterraneo piega i rami verso il suolo e vi sotterra i semi.
La Linaria cimbalaria possiede dei peduncoli fiorali che, giunti a maturazione, fuggono dalla luce penetrando nelle fessure dei muri e vi lasciano cadere i semi.

cocomero asinino

Cocomero asinino.

cocomero asinino
Cocomero asinino.
Seguici su Facebook
Le fotografie pubblicate nelle pagine di www.stelledegliiblei.it, ove non diversamente specificato, sono di proprietà esclusiva di Felice Placenti che ne è Autore e sono protette dalle leggi internazionali sul Copyright. Tutti i diritti sono riservati. Per l'acquisto delle fotografie occorre contattare l'autore. Ogni abuso sarà perseguito a norma di Legge.
responsive
LUOGHI, ITINERARI, ESCURSIONI
Indice generale
IL NATURALISTA DILETTANTE
Indice generale
L'ASTROFILO
Indice generale
www.stelledegliiblei.it          © 2011 - 2019 - Giada Scarnato - Felice Placenti.           All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu