La Menta piperita - Stelle degli Iblei

Stelle degli Iblei
Vai ai contenuti

Menu principale:

La Menta piperita




Prima pubblicazione Dicembre 2011 - © Giada Scarnato
All rights reserved. Tutti i diritti sono riservati. E' vietato riprodurre, anche solo parzialmente, anche citando la fonte, il contenuto di questa pagina.




E' una pianta aromatica perenne di origine europea ed è il risultato dell'incrocio tra la Menta viridis e la Menta acquatica. Possiede foglie seghettate color verde glauco e fiori, riuniti in spighe, di colore rosso-rosato o viola pallido. Fiorisce in estate raggiungendo anche gli ottanta centimetri di altezza; cresce in tutta Italia ed è spesso coltivata negli orti, nei giardini e in vaso.

E' molto ricercata sia come "pianta medicinale" sia come "ingrediente" in cucina. Difatti si usa per il pesce, le insalate, i legumi, l'omelette, l'agnello, le verdure grigliate e i ripieni vari. Per utilizzarla, invece, come pianta medicinale si fanno seccare le foglie al sole (del mattino) e all'aria e si conservano poi al riparo dalla luce e dall'umidità. La menta piperita ha proprietà digestive, eccitanti, antisettiche, calmanti, antispasmodiche e, a dosi elevate, anche afrodisiache.
L'infuso è indicato sia come aperitivo sia come digestivo, contro i bruciori di stomaco, per calmare le palpitazioni del cuore, per regolare le mestruazioni, contro le diarree croniche, nell'insonnia (perché calmante) e per i soggetti ansiosi e nervosi. Inoltre, l'infuso usato tiepido per gargarismi, è un buon disinfettante delle vie orali, ma anche un decongestionante della pelle dei visi arrossati.

Per rendere i cibi più digeribili basta spargere su di essi la pianta essiccata e polverizzata.
Con la menta piperita si preparano sciroppi* (anche ricostituenti oltre che dissetanti), pastiglie, caramelle (contro l'alitosi), liquori vari, grazie all'olio molto profumato che da essa si estrae.
E' anche possibile togliere il prurito cutaneo utilizzando cataplasmi fatti con foglie fresche di menta piperita o, anche, è possibile preparare un dentifricio che profuma l'alito e conserva bianchi i denti.
Infine il notissimo the alla menta ha proprietà rinfrescanti e digestive.

La menta piperita si moltiplica per talea di radice e per essere ben coltivata desidera suolo fresco, parzialmente ombreggiato e moderatamente umido.


Dal "Regimen Sanitatis Salerni" (Flos medicinae) ovvero dalle "Regole Salutari Salernitane" (Fiore di medicina):

Medicina fia bugiarda
quella menta, che ritarda
a scacciar lombrici e vermi
da' ventrigli e grembi infermi.



* Sciroppo di menta

Servono 500 g di foglie, 2 limoni, un litro e mezzo di acqua e zucchero (tanto quanto il succo che si otterrà dalla infusione).
Pulire le foglie e frullarle; bollire l'acqua e versarla sul trito, lasciarla in infusione per 24 ore; strizzare e filtrare il succo, unire lo zucchero e bollire per 30 minuti. Far raffreddare e imbottigliare.
Una volta aperta la bottiglia si conserva in frigo per un paio di giorni.



Seguici su Facebook
Le fotografie pubblicate nelle pagine di www.stelledegliiblei.it, ove non diversamente specificato, sono di proprietà esclusiva di Felice Placenti che ne è Autore e sono protette dalle leggi internazionali sul Copyright. Tutti i diritti sono riservati. Per l'acquisto delle fotografie occorre contattare l'autore. Ogni abuso sarà perseguito a norma di Legge.
responsive
LUOGHI, ITINERARI, ESCURSIONI
Indice generale
IL NATURALISTA DILETTANTE
Indice generale
L'ASTROFILO
Indice generale
www.stelledegliiblei.it          © 2011 - 2019 - Giada Scarnato - Felice Placenti.           All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu