Stelle degli Iblei


Vai ai contenuti

Menu principale:


Esperimenti con il lievito di birra

il Naturalista dilettante > Microscopia > Esperimenti

Microscopia - esperimenti

Esperienze con il lievito di birra

Introduzione
Il lievito di birra è un fungo unicellulare noto col nome scientifico di Saccharòmyces cerevisiae. Come il lievito del vino (Saccharòmyces ellipsoideus), il lievito di birra è un agente responsabile della fermentazione alcoolica degli zuccheri; infatti decompone il maltosio, che è lo zucchero contenuto nel mosto d'orzo, in alcool etilico e anidride carbonica producendo la birra, che è un liquido fermentato.
Il lievito, o fermento, della birra è responsabile anche della lievitazione del pane, in quanto converte in zucchero parte dell'amido. La fermentazione dello zucchero produce alcool e anidride carbonica, col risultato che la pasta si gonfia e diventa soffice e maggiormente digeribile.
I saccaromiceti appartengono alla classe degli ascomiceti.
Gli ascomiceti sono funghi nei quali le spore si sviluppano all'interno di particolari cellule allungate dette aschi (dal greco
ascòs = otre, sacco). Ogni asco può contenere dalle 4 alle 8 spore messe in fila.
La riproduzione degli ascomiceti avviene per spore o per gemmazione. Il
Saccharòmyces cerevisiae e una specie coltivata dall'uomo.


Osservazioni al microscopio
Materiale occorrente:

  • microscopio biologico;
  • vetrino portaoggetti;
  • vetrino coprioggetti;
  • frammenti di vetrini coprioggetti;
  • ago da dissezione;
  • bisturi o lama sottile;
  • contagocce;
  • carta assorbente;
  • guanti in lattice;
  • lievito di birra;
  • glicerina.


Svolgimento
Preparare il microscopio per le osservazioni, quindi stendere una piccolissima quantità di lievito di birra su un vetrino portaoggetti e coprire con un vetrino coprioggetti.
Per stendere il lievito sul vetrino si può utilizzare la punta dell'ago da dissezione. Il lievito steso dovrà poi essere coperto da una goccia di glicerina. Ai lati del preparato si disporranno alcuni frammenti di vetrini coprioggetti al fine di creare un certo spessore tra vetrino portaoggetti e vetrino coprioggetti. Al di sopra dei frammenti sarà posato con delicatezza un vetrino coprioggetti. Per questa operazione si potranno utilizzare l'ago da dissezione e una sottile lama o un bisturi. I guanti in lattice eviteranno di tagliarsi le dita con i vetrini coprioggetti e i frammenti di vetrini usati come spessori.

[ La preparazione dei vetrini - Introduzione]
[ La preparazione dei vetrini - I preparati estemporanei]


A medio ingrandimento si potranno osservare numerose spore di forma approssimativamente ovale e molte di queste saranno in gemmazione. Il processo di gemmazione richiede molto tempo, anche molti minuti.
Ritengo che l'ingrandimento ottimale sia di almeno 400 x.



Fig. 1: lievito di birra veduto con il microscopio. Alcune cellule sono in gemmazione.


Esperimenti sulla fermentazione
E' possibile effettuare semplici esperienze sulla fermentazione alcoolica.


Esperimento n. 1
Materiale occorrente:

  • beuta o bottiglietta a collo stretto da 250 ml;
  • piccolo palloncino di gomma;
  • tappo forato;
  • tubicino di gomma;
  • siringa senza ago;
  • un panetto di lievito di birra;
  • 20 g di zucchero;
  • acqua.


Svolgimento
Mettete all'interno della beuta, o della bottiglietta, metà del panetto di lievito di birra stemperato in 250 ml di acqua e 20 g di zucchero. Chiudete il recipiente con il palloncino di gomma e lasciate riposare in luogo tiepido-caldo.
Dopo un po' di tempo il palloncino si sarà gonfiato, dimostrando che durante il processo di fermentazione oltre all'alcool si produce anidride carbonica.


Esperimento n. 2
Materiale occorrente:

  • beuta o bottiglietta a collo stretto da 250 ml;
  • tubicino di gomma;
  • provetta;
  • porta provette;
  • tappo forato;
  • un panetto di lievito di birra;
  • 20 g di zucchero;
  • acqua.


Svolgimento
Riempite d'acqua calda per due terzi la provetta posta nel porta provette. Mettete all'interno della beuta, o della bottiglietta, metà del panetto di lievito di birra stemperato in 250 ml di acqua e 20 g di zucchero. Chiudete il recipiente con il tappo forato, inserite nel foro il tubo di gomma e fatelo pescare nell'acqua contenuta nella provetta. Dopo qualche minuto nell'acqua della provetta si vedranno delle bollicine di anidride carbonica gorgogliare dal tubo.


Fig. 2: Esperimento n. 2. Produzione di CO2.


Esperimento n. 3
Materiale occorrente:

  • beuta o bottiglietta a collo stretto da 250 ml;
  • tappo forato;
  • tubicino di gomma;
  • siringa senza ago;
  • un panetto di lievito di birra;
  • 20 g di zucchero;
  • acqua.


Svolgimento
Mettete all'interno della beuta, o della bottiglietta, metà del panetto di lievito di birra stemperato in 250 ml di acqua e 20 g di zucchero. Chiudete il recipiente con un tappo forato, inserite nel foro il tubo di gomma, all'altro capo del tubo applicate il beccuccio della siringa (lo stantuffo della siringa deve segnare 0 ml). Dopo poco tempo vedrete lo stantuffo muoversi e la siringa riempirsi di anidride carbonica. In pochi minuti potrete assistere al riempimento di una siringa da 5 ml.



Felice Placenti - Gennaio 2011

Alcune attrezzature
Panetto di lievito di birra

Torna ai contenuti | Torna al menu