Indice della sezione Astrofilo - Stelle degli Iblei

Stelle degli Iblei
facebook
google-plus
pinterest
flickr
linkedin
Vai ai contenuti

Menu principale:

L'Astrofilo

Indice

(Articoli, Costellazioni)

  
ULTIMI LAVORI PUBBLICATI
La Costellazione della Freccia
Giada Scarnato -  - Dicembre 2014

E' un'antica costellazione boreale, estesa solo in ascensione retta, di soli 80 gradi quadrati e quasi del tutto immersa nella Via Lattea. Le leggende ad essa collegate sono diverse. Secondo una di queste potrebbe essere la freccia con la quale Ercole avrebbe voluto colpire l'Aquila che ogni giorno divorava il fegato di Prometeo, incatenato sulla rupe del Caucaso per aver rubato agli dei il fuoco e averlo donato agli uomini. Infatti le costellazioni dell' Aquila e di Ercole si trovano rispettivamente a sud e ad ovest della Freccia. Ma, per la disposizione delle stelle nell'asterismo, la Freccia non sembra raggiungere l'Aquila. Invece Eratostene... CONTINUA A LEGGERE
La Costellazione del Delfino
Felice Placenti - Luglio 2017

L'atmosfera terrestre è l'involucro gassoso che avvolge la Terra. Puoi immaginare l'atmosfera come una serie di strati sovrapposti. Questi strati, a partire dal più basso, sono: 1. troposfera; 2. stratosfera; 3. mesosfera; 4. termosfera; 5. esosfera.
La troposfera è la fascia più bassa e si estende fino ai 10000 m di quota in corrispondenza dei poli, o fino ai 17000 m all'equatore. Nella troposfera sono contenuti circa i 3/4 di tutta la massa atmosferica... CONTINUA A LEGGERE
La Costellazione del Delfino
Giada Scarnato - Luglio 2013

E’ una piccola costellazione boreale che copre 189 gradi quadrati di cielo e che si può osservare dall'estate all’autunno. La sua caratteristica è la graziosa forma romboidale con un’appendice di tre/quattro stelle formanti un triangolo, verso sud. Tutti i popoli del passato vi hanno scorto un delfino, anche gli Arabi che, pur vedendo in essa un cammello, la chiamarono “Al-Dulfin” (contemporaneamente la denominarono pure “Al-Salib” ovvero la croce)... CONTINUA A LEGGERE
La Galassia di Andromeda
Felice Placenti - Maggio 2017

Quella di Andromeda è senza dubbio la galassia più famosa.
Se escludiamo la Grande Nube di Magellano e la Piccola Nube di Magellano, osservabili dall'emisfero australe, M31 è l'unica galassia visibile ad occhio nudo, tanto che gli antichi astronomi la conoscevano già.
Inoltre è l'oggetto più lontano visibile a occhio nudo!...  CONTINUA A LEGGERE
La costellazione dell'Ariete
Giada Scarnato - Novembre 2012

E' una costellazione zodiacale ad ovest delle Pleiadi in cui, venti secoli fa', ai tempi di Ipparco, era collocato il punto equinoziale di primavera (cioè il nodo ascendente dell'eclittica sull'equatore celeste che stabilisce l'inizio della primavera, in quanto vi si trova il Sole all'equinozio di primavera). Occupa 441 gradi quadrati di firmamento ed è una costellazione boreale meglio osservabile in autunno e in inverno. Presso gli Egizi godeva di grande prestigio tanto che gli consacrarono la favolosa Fenice, il leggendario uccello che, così come il Sole risorgeva ogni anno dall'emisfero sud, esso rinasceva dalle proprie ceneri...  CONTINUA A LEGGERE
La Via Lattea
Felice Placenti - Aprile 2017

Gli antichi, che godevano sicuramente di cieli particolarmente bui e puliti, conoscevano molto bene questo strano "fantasma" notturno che, silenzioso, incombeva sulle loro teste e seguiva le stelle nella loro rotazione apparente intorno al Mondo, ma non ne conoscevano la vera natura. Così, non riuscendone a spiegare la presenza, insieme alle stelle fisse, ai pianeti o astri erranti, al Sole e alla Luna, si erano affidati alla superstizione o alle credenze religiose, costruendo affascinanti racconti mitologici...  CONTINUA A LEGGERE
Come riconoscere i pianeti
Felice Placenti - Aprile 2017

Molte persone pensano che i pianeti non si possano vedere ad occhio nudo. Invece non solo molti pianeti sono perfettamente visibili in cielo ma, addirittura, alcuni di essi sono luminosissimi (in certi periodi Venere può essere visto anche in pieno giorno!). In fondo anche il termine "pianeta" (dal greco "planetai") indica gli "astri erranti" degli antichi, a dimostrazione che l'uomo ha sempre riconosciuto in questi astri una natura differente da quella delle "stelle fisse" ma, soprattutto, che li ha sempre osservati nel cielo stellato...  CONTINUA A LEGGERE
Come individuare le costellazioni
Felice Placenti - Marzo 2017

Per poterci "muovere" tra le costellazioni ci tornano utilissime le cartine stellari ("carte" o "mappe celesti"). Nel nostro caso le cartine più utili sono quelle che mostrano la volta celeste mese per mese. La Stella Polare è visibile a Nord, ad un'altezza sopra l'orizzonte pari alla latitudine della località in cui ci si trova (per Siracusa circa 37°). Individuata la Stella Polare possiamo concentrare l'attenzione sulle costellazioni che sono circumpolari per le nostre latitudini: Cassiopea, Cefeo, Dragone, Orsa Maggiore...    CONTINUA A LEGGERE
Elenco dei principali sciami meteorici
Felice Placenti - Marzo 2017

Le meteore che fanno parte di uno "sciame" sembrano provenire tutte da uno stesso punto della volta celeste detto "radiante". Lo sciame prende il nome dalla costellazione in cui si trova il radiante. Così il radiante delle Perseidi, meglio conosciute come "Lacrime di S. Lorenzo", si trova nella costellazione di Perseo, più precisamente in una zona di cielo a nord della stella η Persei...    CONTINUA A LEGGERE
Elenco delle costellazioni
Giada Scarnato - Gennaio 2017

Conoscere le costellazioni e la loro storia è come conoscere la storia dell'uomo e di come ha vissuto. Infatti il cielo è popolato da animali e oggetti che l'uomo ha utilizzato o avuto vicino a sè. Storia di millenni che, però, paragonati agli anni di vita dell'Universo sono solo un battito di ciglia...    CONTINUA A LEGGERE
Osservazione del cielo a occhio nudo
Felice Placenti - Gennaio 2017

Ci potremmo chiedere: perché continuare ad osservare il cielo ad occhio nudo all'inizio del terzo millennio?
I recenti progressi della tecnologia ci suggeriscono che si può fare a meno dell'osservazione diretta, con tutte le sue complicazioni pratiche, optando per i diversi simulatori della volta celeste esistenti sul mercato. Di simulatori ne esistono di tutti i tipi e di tutti i prezzi, anche liberamente scaricabili da internet, per computer e per smartphone, e molti caratterizzati da un realismo che lascia esterrefatti. Tuttavia il vero cielo stellato...    CONTINUA A LEGGERE
Orione
Giada Scarnato - Dicembre 2016

Una delle più belle e interessanti costellazioni del cielo invernale è la costellazione di Orione, indubbiamente una tra le più ricche di tutta la volta celeste: Camille Flammarion la definì "la California del cielo". Facilmente riconoscibile può, a ragione, essere considerata la costellazione-guida dell'inverno. Occupa 594 gradi quadrati della volta celeste a cavallo dell'equatore ed è, in gran parte, investita dal corso della Via Lattea...    CONTINUA A LEGGERE
Pleiadi
Felice Placenti - Dicembre 2016

Si tratta del più famoso ammasso di stelle e anche del più luminoso, tanto da costituire una delle caratteristiche più appariscenti del cielo invernale. L'Ammasso aperto delle Pleiadi è visibile nella costellazione del Toro e si trova ad una distanza di circa 400 a.l. Possiamo dire, quindi, che è un ammasso relativamente vicino. Le stelle delle Pleiadi sono immerse nella nube di materia interstellare da cui si sono formate...    CONTINUA A LEGGERE
Visita le nostre bacheche astronomiche su Pinterest
responsive
LUOGHI, ITINERARI, ESCURSIONI
Indice
Mappe
IL NATURALISTA DILETTANTE
Indice
Piante
Esperimenti
L'ASTROFILO
Indice
Costellazioni
www.stelledegliiblei.it          © 2011 - 2017 - Giada Scarnato - Felice Placenti.           All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu